Back to school 2021
Fall Winter 21|22
Gratis Sala Giochi di Alia.Tizalia.Com

Radio Maria – P. Livio – e il caso coronavirus

Per chi ha seguito sui giornali le vicende sul caso Radio Maria avrà certamente notato cosa si e lasciato sfuggire il predicatore P. Livio. Per chi non lo sapesse essi ha voluto far comprendere quanto la piaga del coronavirus sia opera di Dio, attribuendo a quest’ultimo la piena volontà per punire e mettere in guardia il genere umano.

verità o fantasie?
Se analizziamo la disciplina del concetto teologico Dio ha reso l’uomo libero. Talmente libero da poter decidere anche di sbagliare con volontà propria. Da questa possibilità, su un modello in ampia scala, vi possono essere così imprevisti generati dal frutto delle mani del uomo. Il coronavirus lo è in quanto volutamente prodotto. Poi fra dire che sia stato un errore umano o un opera compiuta con l’intenzione cambia poco.

Padre Livio pertanto mischia apertamente concetti teologici e misticismo religioso. Per il credente che visita Medjugorie, di certo apprezza e considera valide le teorie sui momenti in cui il divino invia “segnali” di avvertimento. Questo fattore è ampiamente predetto dai veggenti stessi. Mischiare storia passata delle epidemie storiche, culto, teologia e misticismo di un popolo che attende unanime qualcosa di enorme in quanto segnale di avvertimento, per le anime è certo che il messaggio possa fare breccia facilmente. Il rischio pertanto è di utilizzare il coronavirus indebitamente a scopo di plagio religioso dettato dallo spavento.

Il Coronavirus pertanto non è volontà e opera divina, ma permissione alle volontà dei risultati delle azioni proprie del uomo. E retorico: se l’uomo non cammina lungo una via attenta e certo che inciampare e molto più facile.

Secondo il principio teologico Dio pertanto avrà certamente la soluzione a tutto questo disastro causato dall’uomo, ma il compiersi di questo evento e dettato dalla proprietà umana delle scelte dell’uomo.

In poche parole : Medjugorie è anche il luogo in cui viene chiesto un cambiamento al uomo di oggi, e il coronavirus può essere sinonimo di abbandono “alle proprie volontà umane” da parte di un eterno superiore. Concedere che l’errore umano possa mettere in pericolo i propri stessi principi commerciali, politici, ideologici significa aver voluto scegliere unanimi un percorso mondiale. Questo percorso è così culminato con questa situazione a scapito per molti e a favore di pochi. Non vogliamo che il predicatore P. Livio pensi di poter trasformare Medjugorie in uno di questi pochi posti che ne possano trarre vantaggio.

Questo perchè non è opera ne volontà di Dio il Coronavirus, ma combinazione di scelte umane. Quando si dice non cade foglia che Dio non voglia, in questo caso non è cosi, o dovremmo dire che il fattore che ha lasciato carta bianca all’uomo oltre il libero arbitrio e la stessa scelta dell’uomo di allontanarsi dal suo Creatore. Quindi qui la foglia cade per altri motivi e sono compensazioni umane. Per questo ancora una volta a pagare sono i più poveri, i più miserabili mentre la geopolitica degli stati e più appetibile per moltissimi aspetti globali. Non è Dio a dare questo peso al mondo, ne la Madonna, ma secondo il libero arbitrio dell’uomo; avendo scelto percorsi alternativi tutto questo è ora possibile…e anche di peggio se l’uomo non volesse adempire ad una scelta mirata al cambiamento delle proprie azioni.

Un avvertimento mondiale ci sarà, ma così come detto dai veggenti, il mondo sarà avvisato tre giorni prima del evento così da dare a molti la possibilità ultima di convertirsi; non è il caso del Coronavirus.

Un caso di “Buona Fede” a lettere maiuscole? o interpretazione sbagliata di un predicatore che non trova spiegazioni al epidemia in corso?

Dio perchè concede?
Se guardiamo Fatima, Lourdes, Medjugorie ecc. troviamo un unica identità spirituale. Recentemente il messaggio della Madonna di Medjugorie destinato ai non credenti è stato sospeso, eliminato. Si è parlato tanto di coronavirus ma poco del perché questa cancellazione del messaggio del 2 del mese sia avvenuta. La riposta è correlata alla spiegazione qui sopra. I non credenti verso i quali la Madonna di Medjugorie invitava il suo messaggio si sono immersi in una strada sua opposta dando così credito e alito a questa situazione su scala globale accettando senza riserve i cambiamenti che si stanno verificando nel mondo. Dio, se consideriamo la situazione dal punto di vista teologico, ha mandato un messaggio chiaro al popolo mondiale nei modi più disparati.

I segni di Medjugorie
In questo istante di pandemia da Coronavirus mondiale, l’assenza dei messaggi per i non credenti, non appena la concretezza pandemica si faceva avanti, è ovvio che fra non molto l’ultimo monito verso quegli uomini meno credenti verrà lanciato all’umanità. Dal coronavirus in poi sono estremamente vicini i segni promessi a Medjugorie. Ma prima di ciò, quella che per i credenti corrisponde ad una lunga “quaresima”, il coronavirus anche sotto scala teologica può essere osservato come un metodo che l’uomo ha per dover superare una purificazione, proprio perchè nel concetto teologico di “prova” in questa fatica ogni uomo espia i propri peccati. Quarantena e “quaresima”, il lockdown, il distanziamento sociale, l’isolamento hanno tutto in comune. Tante sono le cose che questo Coronavirus ha tolto, a partire da molte piacevoli abitudini, molte comodità e leggerezze. Molti nel lockdown hanno visto un mondo dimenticato da tempo, lento, meno caotico, contenuto al punto che il ritorno parziale alla normalità precedente ancora adesso li trova disorientati.

Il coronavirus è teologicamente permissione divina, non volontà di porre in atto segnali e castighi tramite essi. Questi, quando ci saranno, saranno predetti in modo chiaro, come chiaro sarà il perché essi non potranno attendere ulteriormente di avvenire.

Aggiornamento: P.Livio ha ritrattato. Sembra comprendere che questa fase storica ha in se un significato nettamente diverso da ciò che sembrava essere in principio. La notizia pubblicata il 16/11/2020 a distanza dalle prime dichiarazioni del mese di marzo/aprile 2020. ( qui )

From:
Date: Novembre 14, 2020